Cornici I.R.C.A.F. | Silvio Curti
22026
post-template-default,single,single-post,postid-22026,single-format-standard,cookies-not-set,qode-social-login-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive
 

Silvio Curti

Silvio Curti

Instancabile ricercatore ed esploratore del pianeta arte, Silvio Curti ha studiato disegno per tessuti al Setificio di Como e Restauro dell’Arte Contemporanea all’Accademia di Brera di Milano. Dal 2010 al 2018 ha lavorato presso l’Accademia di Belle Arti Aldo Galli – IED Como portando avanti in parallelo la sua carriera artistica con diverse mostre personali sul territorio.
Dopo anni di ricerca nell’ambito del disegno a matita, ha affinato il suo stile iper-realista, riuscendo nei suoi ritratti a superare spesso i dettagli della fotografia. Successivamente l’attività di designer in ambito grafico lo porterà a contaminarsi con lo stile pop aprendo la sua tavolozza ad elevati contrasti cromatici e tecniche miste. Nel 2016 e nel 2017 è stato ospite come vignettista nel celebre programma sportivo della Rai – La Domenica Sportiva.
Oggi è riapprodato come docente di grafica presso il Setificio. Silvio Curti segue un gruppo di lavoro per approfondire e insegnare la tecnica nel disegno a matita, il tutto raccontato sulla pagina Facebook e Instagram Come Disegnare.
Il portfolio completo dell’artista è consultabile sul sito: www.silviocurti.it
Il progetto Pop City
L’artista Silvio Curti presenta la serie di opere su carta “POP CITY”, per riscoprire i luoghi e i monumenti di una nuova Como. I disegni di Silvio Curti mettono letteralmente sotto i riflettori la città con una palette di colori accesi e contrasti esasperati.
In questa serie Silvio Curti fugge dalle regole accademiche della prospettiva e dal chiaroscuro per lasciare spazio ai colori squillanti e attraenti della sua anima pop.
Opere architettoniche, piazze, vie e monumenti come la Fontana di Camerlata, il Castel Baradello, il Teatro Sociale, il Tempio Voltiano sono solo alcuni dei luoghi scelti dall’artista.
No Comments

Post a Comment